domenica 31 agosto 2014

Persa in città.



25-12-2013

Una casa, io sono fuori nel portico, unico luogo che vedo e noto che assomiglia a quello di mio padre. 
Sul davanzale di una finestra ci sono degli oggetti ammucchiate tra i quali un pezzo di legno con un piccolo corvo legato. Lo prendo subito per liberarlo, fortunatamente è ancora vivo e gli parlo piano per fargli capire che non voglio fargli del male e che doveva stare tranquillo. Lui mi capisce e sta immobile sino a che non lo libero dagli spaghi.
Cambio scena: mi trovo in una chiesa, durante una funzione. 
Sono seduta sulla navata sinistra quando mi passa vicino una persona con il sacchetto della questua, guardo dentro e vedo che non ci sono soldi ma diversi oggetti. Decido poi di tirar fuori dalla mia borsa una merendina per mangiarla e nel frattempo passa di fronte a me una bambina con capelli neri che si va a sedere alla mia sinistra. Volevo offrigliene un pezzo dato che avevo notato che la guardava, ma non lo faccio. 
Mi guardo attorno e vedo che sulla navata destra ci sono dei miei amici seduti nei posti indietro.
  Mi alzo per andare da loro e lascio la mia borsa sulla sedia, tranquilla perchè sicura di ritrovata li, 
Purtroppo mi sono sbagliata.
 Cambio scena: mi trovo ora all’esterno della chiesa, osservo la città che vagamente mi ricorda Verona. 
Non c’è più nessuno e mi sono persa...non so tornare all'albergo e non ho documenti dato che erano nella borsa. Provo a telefonare al mio compagno ma risponde una voce metallica che arrivava molto disturbata, e come fosse una segreteria telefonica, non mi faceva parlare. 
Decido quindi di orientarmi con dei punti di riferimento che ricordavo da un giro precedente; mentre cammino, scorgo un gruppo di ragazzi dietro di me, credo stiano facendo la mia stessa strada. Decido dopo un pò di fermarmi e chiedere aiuto visto che non ho ancora trovato la direzione giusta. 
Descrivo al gruppo la ragazzina che sto cercando, uno di loro si fa avanti, è alto e longilineo, biondo scuro con occhi grandi grigio azzurro con sfumature bianche. 
Nell'iride c'è un disegno più scuro, assomiglia ad una girandola. 
Dice che questa ragazzina la conosce e che si chiamava Agata?  o Nagata? e che forse sapeva dove trovarla...poi mi sveglio.

venerdì 22 agosto 2014

La città degli Angeli.


26/4/2012

Che dire, anche questa notte un sogno estremamente vivido con una storia incredibile. Questa più incredibile del solito visto che sono letteralmente andata in un altra realtà, o pianeta, o universo parallelo...o qualsiasi altra cosa sia diversa dal mondo che noi siamo abituati a conoscere. Non ricordo tutto, ma ci sono delle scene fissate nella memoria come fossero capitate davvero. Mi trovo in una strada dove stanno facendo degli scavi, ruspe al lavoro, scavatrici, il cemento rotto e camion; sto passeggiando chiedendomi per cosa fossero quei lavori e vicino a me c'e una mia conoscente a cui sto spiegando come andare in un luogo che ora non ricordo. In mano ho dei biglietti del treno (quelli piccoli che hanno la tratta dei km) e delle banconote. Nel momento preciso in cui faccio per darle biglietti e i soldi un fash improvviso, una luce immensa bianca e mi ritrovo nello stesso identico posto ma con molta più luce solare (anche prima c'era ma con polvere nell'aria per i lavori) e completamente sola. Le mie mani sono ancora nella stessa posizione in cui erano prima del flash, a mezz'aria. Non c'è più nessuno che lavora, non c'è più la ragazza di fronte a me, il nulla più assoluto. Sono sconcertata, basita, immobile. Guardo ai miei piedi e mentre lo sguardo cade sulle le mani vedo che i biglietti e i soldi, ancora perfettamente uniti, sono caduti senza nemmeno scomporsi com'erano mentre li stavo ponendo alla ragazza...come li avessi delicatamente poggiati a terra, o come non ci fosse stata gravità nel momento del passaggio. Ancora sconvolta mi guardo attorno, noto di nuovo questa luce così irreale, luminosissima, c'era il nulla intorno bensì fosse lo stesso identico luogo, la strada era quella ma non era rovinata o rotta dai lavori. Ma oltre non vedevo nulla. Questa luce non me lo permetteva. Quando finisco il giro di 360° verso destra, praticamente arrivata al punto di partenza noto delle ragazze in lontananza. Una di loro si fa avanti velocemente, sembra vestita da cheers-leader, porse ha pure i pom-pom, o comunque qualcosa di brillante e voluminoso davanti a se’ che mi incuriosisce. E' un pò strana, ovvero, è piccola, ma non proprio proporzionata, bionda, capelli lisci, porta dei grandi occhiali da vista. Mi viene vicino tanto da poter vedere che mi arriva si e no al torace. Non vedo bene le gambe perchè c'è davanti questa cosa brillante ma ho il vago ricordo che non fossero state del tutto dritte. Mi chiede qualcosa, mi porta da qualche parte non so come e in quanto tempo. Mi ritrovo in una sorta di piccolo cucinino, sono appoggiata ai mobili dando le spalle ai pensili appesi e sto guardando la ragazza bionda che con questi grandi occhi ingranditi dagli occhiali, mi offre un caffè. Nello stanzino ci sono anche le altre, ma ne vedo solo i contorni, come prima all'esterno. Che curiosa situazione, tutta quella gente dentro una stanzina così piccola, vabbè (lo penso nel sogno). Accetto volentieri il caffè ma le chiedo lo zucchero. Subito me lo passa ma il recipiente è piccolo, insolitamente piccolo. Lo osservo con curiosità e senza dire nulla ad alta voce penso “che piccolo come faccio a prenderne che il cucchiaio che non ci passa?”  Probabilmente legge nei miei pensieri perchè all'improvviso il porta zucchero si ingrandisce assumendo dimensioni "normali" oh! la cosa mi prende alla sprovvista tanto che penso “allora anche loro potrebbero diventare più grandi...” detto fatto! vedo la ragazza ingrandirsi sotto i miei occhi assumendo una altezza e una proporzione umana. 

Cambio scena: ora mi trovo in una città moderna, una metropoli, è notte fonda, c'è molto buio. Esco da un grande palazzo e mi soffermo nella grande piazza antistante, scorgo di fronte a me grattaceli non altissimi, con tante luci colorate nelle facciate, come se le lampade interne solitamente gialle/bianche fossero colorate di giallo, rosso, blu, verde, tutte quadrate, tutte uguali. Sono certa di aver visto sfrecciare nell'aria, proveniente dallo stesso palazzo da cui sono uscita io, un "auto volante" di color argento credo, o qualcosa che gli assomigliava molto, era buio non era semplice verificarne i contorni.  In quel momento colgo l'occasione del leggero ronzio che emetteva per girarmi e guardare meglio il grande palazzo da cui siamo usciti. Davvero gigantesco, a gradoni verticali, con grandi vetrate scure. 
Prendo atto di essere realmente li e mi muovo lasciando il punto di partenza alle mie spalle. Osservo mentre cammino ciò che mi sta di fronte: ci sono palazzi quasi identici, tranne che per le statue che poggiavano sui loro tetti. Ad una prima occhiata sembrano delle figure umanoidi, in posizioni particolari e in gruppi di due o tre. In quel momento sgrano gli occhi perché mi rendo conto che oltre ad avere dimensioni giganti in proporzione ai palazzi, noto che sono tutte nere e alate. In quel momento qualcosa mi convince che posso osservare meglio e che posso muovermi e girarmi su me stessa per avere un ottica a 360°. Con un pò di fatica ci riesco e lo faccio.  Osservo bene tutto e la sensazione è delle più incredibili! 
Oltre a vedere bene tutti palazzi e rendermi conto che era una città dove nessun palazzo sovrasta l'altro, noto che tutti hanno gli stessi colori alle finestre, anche se in disposizioni differenti. La grande strada centrale era buia, illuminata solo dal riverbero delle luci dei palazzi. Il cielo aveva una luminescenza del tipo crepuscolare, solo nei toni del blu e ora posso vedere meglio anche le statue: sono delle raffigurazioni angeliche in posizioni che spesso vediamo nell'arte pittorica o scultorea barocca. 
I contorni sono netti, nessun particolare, completamente neri. Le ali sono molto grandi e alcuni portano delle tuniche. Le posizioni sono molte ma tutte molto simili.
La visione sfuma dopo aver fatto interamente un giro su me stessa e aver capito che quelle erano rappresentazioni di angeli (come noi li conosciamo). 
Ultimo cambio scena: ora sono nella mia auto sto andando a Venezia e il ponte è a una sola corsia per via dei lavori in corso. Non sono da sola. Ad un tratto mi ritrovo costretta a fermarmi perché la mia carreggiata è invasa da 2 auto che la percorrono in senso contrario. Dall'alto, forse in quel momento sono uscita dal corpo, vedo che la colonna dietro di me è ferma e io sono a pochi centimetri dall'altra (forse quella di fronte a me, non ricordo). Decido di scendere e dire alle auto contrarie che sono loro in errore...poi non ricordo più nulla.

venerdì 8 agosto 2014

Il sigillo della memoria.


22/4/2012

Molto complesso e pieno di particolari che però non ricordo in sequenza. Sono certa che fosse una storia con un inizio e una fine ma ricordo pochissimi frammenti.

Quello che ricordo bene è l'azienda dove avevo lavorato per alcuni anni anche se ovviamente è diversa dall'originale (come sempre nei sogni). Un grande atrio che funge anche da ingresso. Io mi vedo in terza persona, di spalle che sto uscendo. Lo sguardo è basso e noto che il pavimento ha un disegno elaborato, grande e colorato, sembra un fiore stilizzato, anzi, sembra proprio un disegno visto nei cerchi di grano. Sto leggendo qualcosa mentre esco, un foglio bianco con delle frasi scritte a mano e la scrittura è simile a quella dei bambini. Mi fermo tra le due porte automatiche, il riflesso della luce fuori è forte. Inizio a leggere e con mia sorpresa capisco essere un mio vecchio tema. Probabilmente scritto alle elementari. Rimango ferma dove sono e continuo a leggere incredula. Parla di quando avevo più intelligenza e non sapevo per quale motivo mi fosse stata tolta. Inoltre leggo che sono stati i miei genitori a farmela togliere....flash…tutto bianco.
Cambio scena: Ricordo bene il filo conduttore del sogno che è la ricerca di qualcosa e la scoperta, grazie a due ragazzi (amici nel sogno, ma che non conosco nella vita reale), di essere seguita da due strani personaggi vestiti con impermeabile scuro, capelli neri e lunghi legati. Portano occhiali da sole di notte. Questi "amici" mi portano in un luogo trappola dove gli inseguitori ci cadono in pieno. Questo luogo è l'ufficio del proprietario del locale dove spesso suonano delle band. Infatti c'è musica in sottofondo. Chiedo ad uno dei due ragazzi conferma e mi dice che l'ufficio ha una trappola elettrica, una scossa che corre lungo tutti i muri, impossibile scappare. E così avviene.
Non so se prima o dopo la trappola, mi ritrovo in mimetica con fucile imbracciato, mi trovo in una villa antica, ho salito delle scale e, sto cercando qualcosa? 
Non sono da sola. Un agguato, degli spari. Credo di aver eliminato i nemici. Sono nel grande pianerottolo delle scale, tutto molto bianco intorno a me, alla mia sinistra viene aperta una porta, mi giro di scatto e vedo di fronte a me una ragazza mora, dai capelli lunghi che ha in mano due piume nere. Si rivolge a me dicendo: "forse stanno cercando le piume di ”M...." porgendomele.

Lingue antiche.


29/12/2012

Mi trovo in una piccola stanza, molto buia, solo una flebile luce mi permette di vedere un tavolo e delle sedie. Sono seduta e vicino a me, precisamente a destra, c'è un animale simile ad un piccolo cervo senza zoccoli ma delle zampe tipo quelle di un cane. Mi porge delle domande su lingue antiche e diverse dall' unica che parlo (italiano).
Cambia la scena e sto ballando un valzer con lui mentre mi parla in lingue che riconosco ma che non so distinguere, la creatura quindi mi chiede una spiegazione a questo e al perchè non le sapessi parlare. 
Gli rispondo che non ce le insegnano perchè dietro ci sono giochi di potere e altro...